Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4

Prenota

Diario

Accept Cookies ?
10 Giu 2018

L'immagine può contenere: testo, natura e spazio all'aperto


20 Mag 2018

Concerti Sul prato

il 28 giugno sul prato dell'Emilia arriva l'ARTCHIPEL ORCHESTRA di Ferdinando Faraò Top Jazz 2017 come "Migliore Formazione dell'anno" Referendum annuale del mensile "Musica Jazz" (foto di Alessandro Achilli, Dario Guerini e Roberto Cifarelli che ringraziamo)

Fernando Faraò ha suonato sul prato dell'Emilia nell'estate del 2002 e in quella del 2003 col trio di Antonio Zambrini; in Osteria del Poggio ha suonato in duo con Simone Mauri nella primavera 2012; torna sul prato con la sua straordinaria orchestra, siamo felici di riaverlo, lo/li aspettiamo tutti !!!


29 Apr 2018

Città elegante dal fascino ricercato ed ammaliante, sin dall’antichità è stata uno snodo chiave per le attività commerciali e tutt’oggi è un crocevia di scambi, grazie al suo rinomato porto turistico.

In virtù della sua conformazione, assimilabile geograficamente ad un gomito, offre una particolarità unica in Italia: ad Ancona si può vedere il sole sorgere e tramontare sul mare.

Per godere di un’incantevole veduta d’insieme della città dorica, basta salire verso il colle Guasco, dove si erge la Cattedrale di San Ciriaco, splendida basilica romanico-gotica, con elementi bizantini, costruita sulle fondamenta di un tempio italico del IV sec a.C e di una successiva chiesa paleocristiana.

Tra i siti di interesse turistico si segnalano: la Chiesa di Santa Maria della Piazza, capolavoro di arte romanica, caratteristica per la facciata ad archetti e per le figure simboliche scolpite intorno al portale ; l’Arco di Traiano, un Arco romano eretto nel I sec. d.c; la Chiesa di San Francesco alle Scale, con la bella facciata in stile gotico fiorito veneziano, la Mole Vanvitelliana, splendida isola artificiale a pianta pentagonale all'interno del porto, costruito su progetto dell'architetto papale Luigi Vanvitelli; la Loggia dei Mercanti, il più importante edifico laico, in stile gotico fiorito veneziano; la suggestiva Fontana del Calamo o delle Tredici Cannelle, la cui antichità è attestata dal nome, di chiara derivazione greca, che ricorda l’ambiente palustre in cui sorgeva.

Da non perdere sono la Pinacoteca Comunale, che custodisce, tra le altre , opere di Carlo Crivelli, del Tiziano, di Lorenzo Lotto e del Guercino;  il Museo Archeologico Nazionale delle Marche, che documenta la preistoria e la protostoria del territorio marchigiano; il Museo tattile Omero, uno dei pochi al mondo, e l'unico in Italia, che permette anche ai non vedenti di avvicinarsi all'arte facendo toccare calchi in gesso a grandezza naturale di famose opere scultoree, modellini architettonici di celebri monumenti, ma anche reperti archeologici e sculture originali di artisti contemporanei.

Città con una forte vocazione marinara, Ancona mantiene nel porto il cuore delle vita cittadina, è infatti nel quartiere del Lazzaretto che si concentra il calendario degli eventi artistici e culturali estivi ed è qui che gli anconetani sono soliti ritrovarsi per bere un cocktail in compagnia degli amici. La città dorica fa davvero sognare ad occhi aperti, sospesi tra cielo e mare!


18 Apr 2018

Il Ristorante dell 'Hotel Emilia, Vi aspetta anche quest'anno con le nuove proposte culinarie a base di pesce, carne e sopratutto buona cucina!

welcomeDegustation 2018

welcomeMeal 2018


29 Ott 2017

Vari ed appetitosi sono i piatti tipici che si possono gustare durante un soggiorno nella Riviera del Conero ed in particolare al Ristorante dell’Hotel Emilia.

Dalla tradizione marinara del Conero da non perdere il Brodetto, lo Stoccafisso all’Anconitana e le varie preparazioni dei Mosciolimitili selvatici che si trovano nel tratto di mare compreso tra Ancona e Sirolo.

La nostra zona è rinomata per il famoso Rosso Conero degustato direttamente in cantina o con un gustoso tagliere di ciauscolo e pecorino, è un vino fruttato e sapido che si abbina perfettamente a cibi succulento e aromatici.

Un invidiabile reputazione in tutta Italia ha da sempre l’Olio del Conero, la cui qualità e tipicità derivano dalle numerose varietà locali e dalle favorevoli condizioni climatiche.

Durante un escursione nell’entroterra, da non perdere i famosi Vincisgrassi, la Crescia di Offagna e le famose Ciambelle di Mosto, un dolce della tradizione contadina marchigiana che tutt’oggi si prepara in autunno dopo la vendemmia.